Tisanoreica: il protocollo per perdere peso

metodo Tisanoreica per dimagrire

Il metodo Tisanoreica: cos’è e come funziona

Tisanoreica è una particolare dieta mirata alla perdita di peso, adatta ai soggetti in sovrappeso che desiderano dimagrire in modo rapido ed efficace, senza sentire i morsi della fame. Questo protocollo è stato ideato e brevettato interamente dall’imprenditore veneto Gianluca Mech, il quale ha utilizzato la conoscenza erboristica della sua famiglia, una tradizione che dura da oltre 500 anni.

La chetosi

Tale regime alimentare è basato sull’attivazione del processo metabolico della chetosi. Questa condizione si verifica quando gli zuccheri e i carboidrati presenti nell’organismo si riducono drasticamente e, per produrre l’energia necessaria, vengono utilizzati i grassi in eccesso. La chetosi indotta dal metodo Tisanoreica è definita “verde”, in quanto si utilizzano una grande varietà di principi attivi estratti da piante officinali, come la Lespedeza, che stimola il drenaggio dei liquidi, la Frangula, che favorisce l’attività intestinale, la Griffonia, che agisce sull’appetito, il Panax Ginseng, famoso per le sue peculiarità energizzanti e il Guaranà, un ottimo tonificante. I principi attivi di queste e molte altre piante, si trovano sia nei famosi decottopirici, che in tutti gli alimenti che sono proposti dalla linea Tisanoreica: pasta, biscotti e persino gelati.

Quanto dura e come funziona il protocollo

La durata minima di questo regime alimentare è di 20 giorni, quella massima di 40. Prima di intraprendere questo percorso, è fondamentale discuterne con il proprio medico curante, il quale dovrà giudicare l’idoneità del soggetto. Il protocollo si compone di due fasi, una intensiva e l’altra di stabilizzazione. Nella fase intensiva occorre eliminare dalla propria alimentazione tutti i tipi di carboidrati. Devono, invece, essere consumati quattro pasti preparati Tisanoreica più carne, pesce, uova e alcune tipologie di verdure. Durante la seconda fase, invece, i pasti con pietanze Tisanoreica sono solamente due e vengono reinseriti in maniera graduale i carboidrati integrali.

I migliori alleati nel protocollo: proteine e decotti

Le pietanze Tisanoreica

Le preparazioni Tisanoreica oltre a essere sane e funzionali, mirano anche alla soddisfazione del palato di chi le assume, per evitare lo spiacevole effetto demotivante di una dieta rigida e poco saporita. Infatti, le pietanze proposte dalla linea sono studiate per somigliare ai gusti “tradizionali” dei nostri pasti tipici, soddisfacendo sia la voglia di dolce che di salato. Da un punto di vista nutrizionale, invece, il regime dietetico del protocollo privilegia in modo assoluto le proteine. Tutte le pietanze Tisanoreica, chiamate anche PAT (ossia porzione alimentare tisanoreica), sono infatti composte da proteine più quello definito come l'”attivatore Tisanoreica“, in cui sono presenti carciofo, tarassaco, anice stellato,finocchio, papaya, ananas, senna e malva. Tali piante hanno la funzione di promuovere il processo di degradazione delle proteine, di migliorare la disponibilità dei nutrienti assunti ma anche di stimolare la funzionalità digestiva, intestinale ed epatica.

I decottopirici

Un ruolo fondamentale nel protocollo è rivestito dai decottopirici, ognuno dei quali contiene almeno 10 piante diverse, a differenza della fitoterapia tradizionale che ne impiega al massimo 3 o 4. Per estrarre i principi attivi viene utilizzato l’antico metodo della decottopia, impiegando esclusivamente l’acqua a diverse temperature, attraverso i metodi dell’infusione, della decozione e della macerazione. Generalmente i decotti sono di quattro tipi: depurativo, diuretico, ormoregolatore e tonico. Tali estratti agiscono positivamente nel processo di chetosi, migliorano l’equilibrio nutrizionale, stimolano diverse funzionalità fisiologiche e donano un generale senso di benessere. Inoltre, sono privi di glutine, alcol e zuccheri.

E dopo tisanoreica? I menù post-protocollo

Una volta terminato il regime Tisanoreica, al fine di mantenere o incrementare ulteriormente i risultati ottenuti, ci sono due possibili opzioni:

  • i menù TisanoreicaVita, solitamente utilizzati quando ci sono ancora kg da smaltire e prevedono l’utilizzo di pietanze della linea TisanoreicaVita;
  • i menù Post-Tisanoreica, dei piani alimentari ipocalorici in modo tale da mantenere il peso a cui si è arrivati. È importante continuare ad assumere i decottopirici, mentre è facoltativo l’utilizzo di pietanze Tisanoreica.