Pavimentazione da esterno:come scegliere la migliore

Scegliere la giusta pavimentazione da esterno è frutto di conoscenze dei vari materiali che si possono utilizzare, ed anche quale meglio si adatta alle esigenze della zona giardino della propria abitazione.

Ad ogni casa la sua pavimentazione da esterno

 

Per prima cosa si deve conoscere che tipo di sotto pavimento si ha, se un battuto oppure un prato o terreno semplice.

Anche le intemperie sono da calcolare, perché se per molti mesi all’anno non viene scaldato dal sole e l’umidità è molto alta sicuramente alcune pavimentazioni non sono quelle giuste perché non sarebbe semplice la gestione e dopo pochi anni ci si ritrova a dover rifare tutto il lavoro perché il pavimento si sgretola ed è pieno di imperfezioni.

La pavimentazione da esterno migliore è frutto di una scelta consapevole e ben ponderata.

La pavimentazione da esterno in legno composito

Per dare un tocco di calore e classe incommensurabile anche all’esterno della propria abitazione non esiste niente di meglio della pavimentazione in legno composito.

Grazie ai trattamenti del legno si ha un pavimento impermeabilizzato e quindi altamente resistente agli agenti atmosferici. Anche la pulizia è semplice e veloce, con l’ausilio di un’idropulitrice si può avere un pavimento sempre pulito.

Per posare al meglio questo tipo di pavimentazione da esterno è consigliabile avere un battuto di cemento come sfondo per avere la maggior durata, spesso viene utilizzato questo materiale per pavimentare porticati oppure anche per bordo piscine, perché grazie ai trattamenti non teme l’umidità come molte persone pensano.

Pavimentazione da esterno in pietra

Diversamente dal legno composito la pietra può venir posata senza dover necessariamente predisporre un fondo in cemento.

Per questo tipo di pavimento sicuramente si è più facilitati nella posa ma senza un fondo si ha il problema che la manutenzione è sicuramente superiore.

Capita spesso infatti che con la pioggia il sottosuolo si sposta e quindi può capitare che si spostino le pietre sino anche a togliersi completamente.

Con colori e forme è possibile anche realizzare dei fantastici mosaici, delle vere e proprie opere d’arte, anche se il loro costo è più elevato di altri tipi di pavimentazione che sono comunque funzionali ma sicuramente molto meno pregiati.

Pavimentazione da esterno in plastica

La plastica è il materiale più utilizzato per la pavimentazione da esterno.

pavimentazione-da-esternoEsistono piastrelle di varie forme, colori e misure e sono anche di semplicissima posa.

Non hanno la stessa durata di legno e pietra ma si possono davvero posizionare in ogni tipo di suolo.

Si possono anche acquistare e posizionare senza l’intervento di professionisti, perché sono previsti degli incastri per poterle unire.
Esistono anche delle piastrelle con dell’erba sintetica sempre in materiale plastico.

Sono le pavimentazioni più economiche, alcune però non sono molto semplici da mantenere pulite perché hanno delle scanalature che sono molto difficili da far restare senza nessun tipo di sedimento.

I punti fondamentali per scegliere la pavimentazione da esterno migliore

Un pavimento è quello giusto se si adatta anche allo stile dell’abitazione, in uno chalet di montagna è impossibile pensare di trovare dei pavimenti esterni in plastica, ma sicuramente sono adatti il legno composito e la pietra.

Parlando poi di piccoli sentieri che non si possono trattare con un basamento i migliori sono i materiali plastici per la loro semplicità di montaggio ed incastro.

Per la manutenzione sena ombra di dubbio i materiali più naturali sono i migliori, il legno composito ci permette di avere spazi esterni ben pavimentati e resistenti, ha inoltre un’altissima capacità di carico e quindi è possibile prevedere anche dell’arredamento senza paura che si sformi il pavimento e che dia segni di cedimento.